Terza Età

In contrapposizione al pensiero comune per cui il termine anziano spesso si associa al concetto di staticità, riteniamo che si tratti invece di una fase di vita dell’individuo caratterizzata da numerosi cambiamenti, a partire dal corpo fino ad arrivare agli aspetti relazionali e sociali. Per fare qualche esempio, basti pensare alle nuove sfide, ma anche ricchezze, che alcune esperienze, come il pensionamento o il diventare nonni, si presentano all’individuo.

 PERCHÉ IL SERVIZIO?
Quanto sopra descritto implica inevitabilmente la necessità per la persona di creare nuovi equilibri, non sempre facili da raggiungere.
Si tratta di un momento di vita spesso caratterizzato dalla perdita: non solo della “giovinezza” ma anche di persone care, di ruoli, di capacità e abilità che mettono a dura prova il proprio senso di utilità ed autoefficacia.
I temi legati alla malattia e alla morte diventano sempre più presenti generando sovente paura e angoscia.
In alcuni casi, inoltre, l’invecchiamento può essere accompagnato da difficoltà a carico di alcune funzioni cognitive (quali attenzione, memoria, pianificazione, ecc…) e degli aspetti comportamentali (aggressività, irrequietezza, apatia per citarne alcuni), portando ad una diminuita efficacia nella quotidianità.

 COME FUNZIONA IL SERVIZIO?
Interventi di sostegno o percorsi di psicoterapia possono risultare utili per accogliere ed elaborare i diversi vissuti che accompagnano questo importante periodo di vita: avere a disposizione uno spazio ed un luogo in cui poter dar voce alle proprie emozioni e in cui poter parlare di perdita, di paura, di morte è dal nostro punto di vista importante.
Inoltre, nel caso in cui si ravvisino delle difficoltà a carico di alcune funzioni cognitive, offriamo percorsi di valutazione neuropsicologica al fine di individuare precocemente eventuali alterazioni patologiche ed offrire interventi individualizzati.